Prima corrispondenza dal Festival-Internacional De-Poesía De-Medellín 2014 @poes…

Prima corrispondenza dal Festival-Internacional De-Poesía De-Medellín 2014 @poesiamedellin pensando alla solitudine e alle moltitudini con Luigi Nacci

@Il Fatto Quotidiano online

Share it!

" ché la poesia altro non è che quell’affollata solitudine di cui ci diceva Pessoa con tutti i suoi eteronimi, e che ciascuno di noi poeti non è mai solo ‘un’ poeta, non è mai un ‘poeta solo’, ma è sempre ‘molti’ poeti, uno per ognuno di coloro che ascoltandoci vorranno accogliere la nostra solitudine, rubarcela e farla propria. Che la poesia è un cammino da sé all’altro, un cammino senza fine, dove ogni trappola, ogni agguato della parola e dei destini è sempre un’occasione in più per vivere la propria vita come se fosse anche quella dell’altro.

Chi si ferma è perduto. In Italia, come a Medellin, perché, come dice Nacci, “tutto ciò che non è necessario, non durerà”, poiché, infine, la poesia è nata ben prima dei poeti e certamente a loro sopravviverà. Con buona pace dell’io lirico e di tutti i suoi ridicoli e tronfi complici."


Poesia: questa solitaria moltitudine – Il Fatto Quotidiano
www.ilfattoquotidiano.it
È successo di nuovo, l'altro ieri. Così come accade puntualmente, da 24 anni. Migliaia di persone, di tutte le età, culture, ideologie sono arrivate sino

Comments are Closed

Theme by Anders Norén